The Conspirator


Informazioni

Uscita: 2011
Nazionalità: USA
Genere: Drammatico
Durata: 125'
Audio: Stereo

Per tutti Per tutti

Regia: Robert Redford
Cast: Brandon Carroll Tom Wilkinson Kevin Kline Colm Meaney Robin Wright

Approfondimenti

informazioni

THE CONSPIRATOR

Washington, aprile 1865. Frederick Aiken e' un ufficiale dell'esercito nordista, sopravvissuto alla Guerra Civile e deciso a vivere e innamorarsi in una nazione finalmente unita. Avvocato in tempo di pace, e' chiamato a difendere davanti a un tribunale militare Mary Surratt, accusata di complicita' nell'assassinio di Abramo Lincoln. Proprietaria di una pensione, supposto luogo della cospirazione, e madre di John Surratt, amico e frequentatore di uno dei sette uomini coinvolti nello scellerato delitto, Mary si dichiara innocente e chiede per se' un processo imparziale. Frederick, riottoso ad accettare la nomina di avvocato difensore e fermamente convinto della colpevolezza di Mary, nondimeno avvia la sua indagine e prepara difesa e arringa. Resistendo alla requisitoria e ai metodi poco ortodossi del pubblico ministero, il giovane avvocato si appassiona alla causa e a quella sua cliente, innocente fino a prova contraria. La ricerca della verita' nel rispetto della Costituzione, gli alienera' gli amici e gli indichera' i nemici dentro un paese sull'orlo del collasso e dell'isterismo.
Alla maniera di Jim Garrison, procuratore ostinato nel JFK - Un caso ancora aperto di Oliver Stone, Frederick Aiken affronta il cuore nero e rivelatore della politica americana. 'Legali' all'indomani dell'assassinio dei loro presidenti, Garrison e Aiken incarnano una ribellione che si riverbera in una presa di coscienza individuale, in lotta con le istituzioni e contro un establishment che consuma il crimine ai danni di un individuo, colpevole o innocente, nascondendosi dietro l'iter ipocrita della giustizia. L'avvocato colonnello di James McAvoy provera' allora, nell'America infiammata di Via col vento, a restituire un frammento di innocenza alla collettivita', che fuori dall'aula precipita nel caos emotivo prodotto dalla morte di Lincoln, avvocato degli umili, Presidente degli (afro)americani, punto di accumulazione di interrogativi da ricomporre.
Quattro anni dopo Leoni per agnelli, Robert Redford realizza un courtroom drama che trova nel confronto con la tradizione il terreno fertile per interrogare la storia e la coscienza americana. A partire da questa considerazione si chiarisce la classicita' di Redford: nell'affinamento di un linguaggio che si vuole il piu' possibile conforme al proprio oggetto. Per questo non bisogna sottovalutare il ricorso al genere giudiziario. Dietro la parvenza rassicurante del gia' visto scorre una visione confacente a una precisa idea di cinema. Robert Redford, che e' stato sullo schermo il giornalista irriducibile di Alan Pakula, condannato a urtare contro gli ostacoli frapposti alla rivelazione dello scandalo Watergate, si presta perfettamente a diventare il testimone della corruzione del sogno americano. Procedendo col passo greve e dolente della tragedia, The conspirator e' la densa ricostruzione dell'indagine condotta da un giovane avvocato intorno all'assassinio di Abramo Lincoln, che denuncia l'impossibilita' di avvicinare anche la piu' piana delle verita'. Cortocircuitando realta' e finzione, passato e presente, cospiratori di ieri e terroristi di oggi, Redford dichiara l'illusione democratica, puritana e liberale del 'giusto processo', articolando il suo film attraverso due fronti: al di qua e al di la' del confine piu' che simbolico rappresentato dalla sbarre della prigione e dalla linea retta che separava Nord e Sud, tagliando in due il Paese. Su quel confine si incontrano per un attimo un unionista e una confederata, un avvocato e una cliente, un figlio e una madre in un mutuo scambio di salvezza che non scampera' la Mary di Robin Wright ma convertira' Frederick Aiken al giornalismo, impiegandolo come city editor del Washington Post, il quotidiano per cui scriveva il Bob Woodward di Redford in Tutti gli uomini del presidente. A clamorosa e geometrica dimostrazione di un percorso professionale e politico incline a produrre istanze come la battaglia contro il pregiudizio o la riaffermazione dei principi fondamentali sanciti nella costituzione della (sua) nazione. Puntando il dito contro l'uomo di fiducia' degli States, contro le inerzie, le complicita' e le rinunce di una giustizia che si vorrebbe giusta mentre impicca e inabissa i suoi nemici, il regista pone al centro dell'aula l'intervento individuale e la relazione tra il potere assoluto e il diritto alla vita del singolo. E all'iconoclastia di Obama oppone lo spettacolo' della pena capitale. Obiezione accolta.

In programmazione


The Conspirator


Se l'8° film di Redford è il suo migliore, il più solido, compatto e ambizioso, il merito è soprattutto della sceneggiatura, covata dal 1993 e più volte riscritta dal giornalista James D. Solomon (con Gregory Bernstein), e dell'esordiente TAFC (The American Film Company) di Joseph Ricketts e Brian Falk che gli ha fornito un cast tecnico-artistico di prim'ordine e mezzi di un costo medio-alto. 15 aprile 1865: due settimane dopo la fine della guerra civile, a 55 anni Abraham Lincoln, presidente degli Stati Uniti, è ucciso a teatro dall'attore sudista John Wilkes Booth. È la storia di un complotto sudista, che prevedeva anche l'uccisione del vicepresidente e del segretario di Stato per mettere in crisi il governo e l'esito stesso del sanguinoso conflitto civile (più di 600000 morti). E di un processo contro 8 accusati, 7 uomini e Mary Surratt, madre di uno degli imputati e proprietaria della pensione dove si riunivano. Le analogie con la reazione di Washington dopo gli attentati dell'11-9-2001 sono evidenti e ben marcate. Il processo si concentra sulla metamorfosi del giovane capitano nordista, l'avvocato Aiken. Pur credendola colpevole, è costretto a difendere la vedova Surratt in un procedimento la cui fine è predeterminata dalla ragione di Stato: deve concludersi con la condanna all'impiccagione di tutti. All'insegna di Cicerone: silent enim leges inter arma, in periodo di guerra la legge tace. È la carta vincente di un film che sa far aspettare lo spettatore. Attori funzionali a ogni livello e 2 eccellenti protagonisti (lo scozzese McAvoy e la Wright). Contribuisce al risultato la fotografia di Newton Thomas Sigel, ispirata a Caravaggio e Rembrandt. Esterni a Savannah (Georgia).




Tutti a casa tua

Invita i tuoi amici per guardare insieme questo programma Manda l'invito adesso

Vuoi invitare un amico a vedere questo programma?

Chiudi

Oggetto*
Nome mittente*
Indirizzo e-mail mittente*
Indirizzo e-mail destinatario*
Aggiungi destinatario Rimuovi destinatario
Testo mail standard (cambialo se vuoi)
Invia Messaggio
* campo obbligatorio

Ti suggeriamo

TV Memo
Chiudi
Vuoi essere avvisato con un SMS o una email quando sta per iniziare il programma?
Fai subito il login
Oppure se non sei ancora iscritto a Sky.it registrati subito!
Cos´è il TV Memo? Scopri di più
Registra a distanza
Chiudi
Per utilizzare il servizio Registra a distanza devi essere iscritto a Sky.it come Cliente e avere il decoder My Sky.
Fai subito il login
Oppure se non sei ancora iscritto a Sky.it registrati subito!
Scopri tutte le funzionalità del tuo decoder
Chiudi
Per aggiungere questo programma alla lista dei tuoi preferiti fai subito il login
TV Memo
Chiudi
Vuoi essere avvisato con un SMS o una email quando sta per iniziare il programma? Scegli come preferisci ricevere il messaggio: *Costi e tariffe SMS
Cos´è il TV Memo? Scopri di più
Registra a distanza
Chiudi
Hai scelto di registrare con Registra a distanza questo programma. Conferma subito la tua scelta.

Scegli una smartcard My Sky su cui registrare:
I tuoi Registra a distanza Scopri di più

Sei sicuro di aggiungere
questo programma alla tua guida personale?

Chiudi
Chiudi

Per aggiungere questo canale alla lista dei tuoi preferiti fai subito il login

Chiudi

Il canale è stato aggiunto alla tua guida personale.

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Inserisci l'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato

Recupera il tuo Sky iD
Ti informiamo che a breve riceverai via mail il tuo username
Recupera il tuo Sky iD
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...

Cerca su Sky